Come suonare il Rock’n Roll

Come suonare il rock and roll


Il Rock’n roll può essere considerato un diretto discendente del Boogie Woogie dal quale ne eredita la forma armonica e la velocità nell’esecuzione.

Una differenza sostanziale riguarda la scansione ritmica che nel Rock’n roll si avvale del 4/4 con suddivisione regolare, in cui il movimento di 1/4 risulta formato da due ottavi equidistanti; viene quindi a mancare quell’andamento “swingante” tipico del Boogie Woogie ma in compenso, grazie ad una maggiore libertà ritmica, il Rock ha  vissuto una grande evoluzione dagli anni ’50 fino ai giorni nostri.

Come nel Boogie Woogie, alla mano sinistra è affidata la ritmica incalzante che può variare in base ai gusti ed alla tecnica dell’ esecutore. La mano destra si occupa degli assoli, dei fraseggi, utilizzando scale pentatoniche, scale di blues, acciacci e tecnicismi di vario genere.

Il rock’n roll anni ’50 (così vogliamo definirlo per differenziarlo dal rock’n roll prettamente chitarristico di epoca successiva) venne influenzato dal Rockabilly  (primordiale rock and roll sviluppatosi all’inizio degli anni ’50 dalla fusione di Bluegrass e Country).

Tra i brani di maggior successo (che possiamo anche utilizzare per i nostri studi) troviamo Rock Around the Clock di Bill Haley and His Comets, I’m a Man di Bo Diddley, Lucille, Johnny B. Goode, Maybellene e Roll Over Beethoven di Chuck Berry,  Shake, Rattle & Roll” di Big Joe Turner, Tutti Frutti o Long tall Sally di Little Richard, Whole Lotta Shakin’ Goin’ On e Be-Bop-A-Lula di Gene Vincent. 



Eddie Fisher, Perry Como e Patti Page sono invece stati cantanti di successo di questo genere musicale.

Come non citare tra i grandi il mitico Elvis Presley, ma soprattutto, considerando che in questo sito web ci occupiamo del principe degli strumenti musicali (il Pianoforte!) come non ricordare uno dei Padri del rock n’roll: Jerry Lee Lewis che vanta un posto nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1986 ed uno nella Rockabilly Hall of Fame. Tra i brani più famosi dell’artista ricordiamo Great Balls Of Fire.

Qui sotto possiamo visualizzare un video che ci mostra una classica improvvisazione pianistica a base di Rock and Roll:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.